Archivio

Archivio Giugno 2005

anni ’50

20 Giugno 2005 Nessun commento


Visitando questa mostra, tutt’altro che imperdibile, ho appreso che:
1. Gli Alunni del Sole devono il loro nome ad un libro di Marotta degli anni ’50.
2. La Ducati, negli anni ’50, produceva uno scooter-balenottero simile alla Lambretta.
3. I bei quadri informali nella sezione finale della mostra potevo benissimo andarmeli a vedere nei musei milanesi (alcuni anche gratuitamente).

Sigh!

Categorie:arte Tag:

salvamm ‘o munno

15 Giugno 2005 Nessun commento


La collaborazione di Enzo Avitabile con musicisti africani (tra i quali Khaled, Amina, Manu Dibango) dà luogo a questo imperdibile cd edito dal manifesto in cui il sassofonista napoletano crea un perfetto cocktail mediterraneo, mescolando ritmi africani e italiani (pizzica salentina o tarantella) e i testi in dialetto. Alle percussioni i Bottari di Portici (che suonano con botti e mastelli di legno e falci). Prezzi bassi! (8 euro).
Riferimenti: salvamm ‘o munno

de nittis

10 Giugno 2005 Nessun commento


Ancora una decina di giorni a disposizione per poter vedere questa bella mostra di De Nittis (Barletta, 1846 – paese-francese, 1884). Inquadrabile all’interno del realismo-macchiaiolismo-impressionismo italiano del secondo ’800 (di cui fu uno dei maggiori esponenti) per campare – dopo gli esordi promettenti a Napoli e in Toscana – emigrò a Parigi dove i suoi splendidi quadri si riempiono di donnine e signori della borghesia francese che giustamente gradivano vedersi rappresentati all’interno di un’opera d’arte. Di tanto in tanto tornava al suo paesello per rappresentare i paesaggi a lui più cari, tipo il quadro qui allegato (“La strada da Bridisi a Napoli”).

Categorie:arte Tag:

donde vai?

6 Giugno 2005 Nessun commento


Deludente. Deludente è l’aggettivo (o avverbio?) che più si confà all’ultimo film di Salvatores. Deludente e rimasticato. Nonostante si salvi per alcune trovate di regia e sceneggiatura, il film lascia a desiderare nella definizione dei personaggi, alcuni dei quali appena abbozzati e caratterizzati quasi a livello di stereotipi. Alcune coincidenze nello sviluppo della storia, inoltre, sono veramente poco credibili. Eccessive, poi, le citazioni cinefile (mi è sembrato inutile infierire sul povero babbo con il “Mostro di Düsseldorf”). Bella la scena conclusiva, alla Antonioni.

al confine

3 Giugno 2005 Nessun commento


Consueta, ma apprezzabile, storia a fumetti dal carattere intimistico della Vinci che, fra sogni e fantasmi, si “trasferisce” a Trieste all’epoca della 2a guerra mondiale. Mi era piaciuto di più il volume “Ombre” (+ inquietante). Se non altro ora so cos’era la Risiera di San Sabba.

Categorie:fumetti Tag:

der untergang

1 Giugno 2005 5 commenti


Mi pare abbastanza inutile questo film che illustra gli ultimi giorni di vita del Führer. L’unico interesse è chiedersi che fine faranno i colonnelli e generali collaboratori: chi tradisce, chi si spara, chi si fa saltare in aria, chi si arrende… Ai limiti del morboso, vedere per esempio la scena della fine dei figli di Goebbels.
Regia di un certo Oliver Hirschbiegel. Hitler interpretato da quel ganzo di Bruno Ganz.

Categorie:Cinema Tag: ,