Archivio

Archivio Novembre 2014

filumena

11 Novembre 2014 Nessun commento

Non aveva tutti i torti il buon Roberto De Simone, nel suo articolo uscito sul Mattino della scorsa settimana, nell’affrontare il mito di Eduardo sottoponendolo ad una serie di critiche, in primis riguardanti il fatto che il suddetto mito ha involontariamente fatto terra bruciata di tutto il teatro napoletano che lo circondava, e in secondo luogo per l’alto tasso di moralismo che caratterizza le sue commedie. Nel caso della versione teatral-televisiva di “Filumena Marturano” (1946), inscenata qualche anno fa da Ranieri e dalla compianta Mariangela Melato, il moralismo veniva stemperato in un’atmosfera di incazzata disputa coniugale che ricorda lo scontro furioso della “Toten Tanz” di Strindberg (scontro che viene alla fine ricomposto, contrariamente al violento testo di Strindberg), ma ciò non toglie che ad un certo punto il rischio sia quello di addormentarsi. Per il tema di questo copione il buon Eduardo si ispirava certamente ad “Una donna senza importanza” di Wilde, trasformando lo humour inglese in gergo napoletano, ottenendo un testo discretamente apprezzabile ma che certamente per i motivi di cui sopra non merita tutta la notorietà che ha conseguito.

body double

5 Novembre 2014 Nessun commento

Simpatico film giallognolo, per la prima metà fortemente ispirato a due celeberrimi Hitchcock (“Vertigo” e “La finestra sul cortile”) e per l’altra metà sulla scia di “Videodrome” di Cronenberg. Tolti i debiti ispirativi, rimane un plot thrilleristico-splatter abbastanza intrigante — che richiede allo spettatore una chiusura d’occhio su alcuni passaggi poco realistici — e giocato nel paratesto sulle questioni del “doppio“, dello sguardo dello spettatore/testimone, del vero/falso, roba non troppo originale ma risolta non del tutto infelicemente.

p.s.: di notevole interesse è l’ambientazione: un appartamento futuristico (1960, arch. Lautner) sospeso, a pianta centrale, con panoramica hollywoodiana.

1984, regia di Brian De Palma, sceneggiatura di De Palma e Robert J. Avrech, musiche di Pino Donaggio, con un certo Craig Wasson, Debora Shelton e Melanie Griffith Banderas, guest stars: Frankie Goes To Hollywood.