Archivio

Archivio Marzo 2015

per la miseria

14 Marzo 2015 Nessun commento

Operetta davvero mediocre, per palati di poche pretese, che ha forse l’unico pregio nel mostrarci l’Italia poverella del primissimo secondo dopoguerra e nell’affibbiare alla Magnani (chessadafà peccampà) un ruolo per alcuni risvolti autobiografico. Un primo legame lo si può stabilire con la vita dell’attrice nel fatto che il personaggio del trovatello — antipatico come pochi — è alla ricerca del proprio padre (la Magnani era figlia di ragazza madre). Il secondo nesso si può stabilire con i suoi studi musicali, che qui riaffiorano in una scena divertente (forse la migliore del film) nella quale canta con la radio una canzone del 1930 (“Parlez moi d’amour”), sapientemente interrotta da un battibecco con Marisa Vernati.

1945, scritto e diretto da Gennaro Righelli, con Anna Magnani, Marisa Vernati e altri.

Categorie:Cinema Tag:

dd trecenquarantaerotti

3 Marzo 2015 23 commenti

Se questo è un esempio del nuovo corso dylandoghiano si può star certi che durerà ben poco. Storia scritta da RR, e disegnata da uno che si crede Hugo Pratt ma che il suddetto non lo vede neanche col binocolo, in cui Dylandog è perseguitato dal babbo di una sua conquista, presto scaricata, e per questo viene punito. Idea bislacca, sviluppata male, con la solita mania di grandezza dell’autore. Forse l’intenzione (sballata) era quella di festeggiare l’Otto Marzo.

Categorie:fumetti Tag:

seventh floor

2 Marzo 2015 31 commenti

Storia a fumetti autobiografica (nata come tesi di laurea) che racconta del fidanzamento e conseguente discesa agli inferi dell’autrice, vittima di un boyfriend prima affascinante, poi praticante di violenza psicologica ed infine di violenza fisica. Lo stile di disegno infantile e la giovane età della protagonista giocano a favore dell’unidirezionalità del punto di vista, tuttavia non è piú tempo di film in bianco & nero e di buoni & cattivi, per cui ci aspettiamo che la denuncia della violenza di genere faccia qualche passo avanti e proponga anche una certa dose di autocritica, o uno straccio di analisi delle ragioni piú profonde del fenomeno, sempre irrintracciabili nella retorica sull’argomento.

Hop! Edizioni, 84 pagine b&w, 11 euri

Categorie:fumetti Tag: ,