Home > Classica, Critica, Letteratura, Musica > tutto quello che avreste voluto chiedere su corelli eccetera eccetera

tutto quello che avreste voluto chiedere su corelli eccetera eccetera

Lettura fondamentale sul compositore di Fusignano, risalente ormai a tre lustri or sono, che raduna tutte le piú rilevanti informazioni disponibili sul Nostro, a partire da scritti autografi e lettere, passando da stralci critici di testi d’epoca (Charles Burney, ovviamente, ma anche di musicologi contemporanei di Corelli, soprattutto albionici), nonché rifacendosi ad approfondimenti di altri studiosi piú vicini ai giorni nostri, tanto rari quanto ormai datati (e generalmente mai tradotti in versione italica). Molto ben fatta la parte biografica che, andando dalle origini della casata e del parentame in quel di Fusignano, e poi descrivendo l’evoluzione professionale, cerca anche di restituire per quanto possibile quello che doveva presumibilmente essere stato il carattere della persona. Piuttosto interessante anche la dettagliata ricostruzione dell’ambiente musicale bolognese della prima metà del Seicento, che riporta una bibliografia di opere a stampa per violino veramente appetitosa per chi voglia perdersi tra rimandi, citazioni e influenze stilistiche. La parte di analisi delle composizioni musicali di Corelli è invece un po’ sacrificata, ma comunque sufficiente a dare un’idea appropriata dell’importanza dell’opera corelliana, il cui approfondimento troverebbe probabilmente sede migliore in un contesto piú adatto agli specialisti.

p.s.: figura anche una parte illustrata, nella quale viene riportato quello che è il ritratto piú attendibile del Corelli.

2000, L’Epos editore, 224 pagine

  1. paolo ragazzi
    26 Giugno 2017 a 8:30 | #1

    Buongiorno,
    complimenti per il blog. Un direttore d’orchestra portò un esempio di furto benvenuto nella Canzone dell’amore perduto , a suo dire prelevata dall’opera di Corelli. Ne sa qualcosa?
    Grazie

  2. Qohelet
    27 Giugno 2017 a 13:54 | #2

    Forse quel direttore si confondeva: la Canzone dell’amore perduto di De André è notoriamente tratta dal Concerto per tromba in re maggiore di Telemann.

Codice di sicurezza: