Home > Cinema > youth has gone

youth has gone

La generale tendenza decadente del cinema sorrentinesco è andata trovando il suo culmine nel suo distico piú recente, prima con “La grande bellezza” e poi con questo ultimo “Youth”, nel quale una torma di perlopiú anziani ricconi si ritrova a passare una vacanza in un resort di lusso svizzero che sa tanto di lager (e infatti uno degli ospiti è un attore che si prepara per una parte in cui interpreterà Adolf Hitler). Il film è il consueto accrocchio di inquadrature suggestive e dialoghi lapidarii che non appare meno noioso del solito, senonché ad una virata conclusiva viene affidato un certo ottimismo, per il quale la morte — o il senso della fine che pervade tutta la storia — genera la vita (peccato solo aver scomodato nientemeno che la Mullova per farle suonare quattro note in croce, in un finale pretenziosamente scopiazzato con ben miseri risultati dal “Concerto” di Radu Mihaileanu, o come cavolo si scrive).

2015, scritto e diretto da Paolo Sorrentino, con Michael Caine, Harvey Keitel, Jane Fonda e altri

Categorie:Cinema Tag:
  1. 24 Novembre 2017 a 21:20 | #1

    cialis online without prescription
    cialis cost cvs
    online pharmacy cialis
    [url=http://cialisweb2015.com/]cialis in canada[/url]
    cialis going generic

  2. 24 Novembre 2017 a 22:22 | #2

    where do i get viagra
    cost of viagra
    viagra gel online uk
    [url=http://viagramndet.com/#]viagra cost[/url]
    viagra price in lahore

Codice di sicurezza: