Archivio

Archivio per la categoria ‘Poesia’

il segno Zeichen

1 Agosto 2016 Nessun commento

Il format, ormai consolidato da secoli, è quello del viaggiatore erudito che si aggira per i paesaggi italici, dispensando osservazioni intelligenti su ciò che va percorrendo con lo sguardo (Goethe, Stendhal, e chi piú ne ha etc. etc.) oppure, se si vuole, la sua versione piú recente fornita da Piovene, o da Nanni Moretti in giro per la capitale in Vespa, o da Gianni Celati per la Bassa Padana. In questo caso tocca al compianto Valentino Zeichen aggirarsi per la Città Eterna, sulla scorta di un suo precedente libro di poesie dal titolo meravigliosamente struggente (“Ogni cosa a ogni cosa ha detto addio”, parafrasi di un verso di Omar Khayyam). Il cofanetto commercializzato dall’editore Fazi contiene, oltre al libro già citato, un dvd con un film di una 40ina di minuti di durata, per la regia di tal Filippo Carli, che ci conduce assieme al buon Zeichen per luoghi ultranoti di Roma, raccontatici come se il poeta trovasse lí per lí le parole per descrivere aspetti sempre in controtendenza rispetto alla visione che può avere il turista (ma non ci saremmo aspettati di meno, naturalmente), ed è proprio il tono improvvisato e allo stesso tempo intelligente che fa della poiesis di queste passeggiate una delle cose migliori tra le ultime che Zeichen ci ha lasciato.

p.s.: negli extra si trova un gironzolamento ai giardini di Villa Borghese dove si raccontano aneddoti personali e di famiglia, e un “messaggio all’Universo” pronunciato dalla baracca nella quale Zeichen ha vissuto per gli ultimi trent’anni.

Fazi editore, dvd + libro, 28 euri

Talking with the taxman about poetry

1 Settembre 2006 Nessun commento

Sorry to bother you, Citizen taxman!
No thanks? Don?t worry? I?d rather stand.
I?ve come to see you on a delicate matter:
the place of the poet in a workers? land.
Along with storekeepers and land users
I?m taxable too, and am bound by the law.

Your demand for the half-year is 500 roubles,
and for not filling forms in ? 25 more.
My labour?s no different from any other labour.
Examine these figures of loss and gain,
the production costs I have been facing,
the raw material I had to obtain.

With the notion of ?rhyme? you?re acquainted, of course?
When a line of ours ends with a word like ?plum?
in the next line but one we repeat the syllable
with some other word that boes ?tiddle-ti-tum?.
A rhyme is an IOU, as you?d put it.
?Pay two lines later? is the regulation.

So you seek the small change of inflexion, suffix
in the depleted till of declensions, conjugations.
You shove a word into a line of poetry
but it just won?t go ? you push and it snaps.
Upon my honour, Citizen taxman,
words cost poets a pretty penny in cash.

As we poets see it, a barrel the rhyme is,
a barrel of dynamit, the fuse is each line.
The line starts smoking, exploding the lines is,
and the stanza blows a city sky-high.
Where to find rhymes, in what tariff list,
that hit the bull?s eye with never a failure?

Maybe a handful of them still exist
faraway somewhere in Venezuela.
I have to scour freezing and tropical climes.
I flunder in debt, I get advance payments.
My travel expense bear in mind.
Poetry ? all poetry ? is an exploration.

Poetry is just like mining radium.
To gain just a gram you must labour a year.
Tons of lexicon ore excavating
all for the sake of one precious word,
but how searing the heat of this word is
alongside the smouldering heap of waste.

There are the words that go rousing, stirring
millions of hearts from age to age.
Of course, there are different brands of poet.
Famed for sleight of hand are quite a few.
Verses they pull, like a conjuror, boldly
out of their own mouths ? and others? too.

What can one say of the poetry eunuchs?
They write stolen lines in ? not turning a hair.
Thieving like that is nothing unusual
in a country where thieves are enough and to spare.
These contemporary odes and verses
which with rapt ovations audiences greet
will go down in history as overhead charges
for the achievements of a few of us ? two or three.

It takes quite a time, to get to know people,
smoke many a packet of cigarettes
till you raise that wonderful word you?re needing
from the deep artesian folk wells.
Straightaway the rate of tax grows less.
Knock that wheel-zero off the dotal due.

I pay one rouble 90 for a hundred cigarettes
and one rouble 60 for the salt I consume.
I see in your form there?s a host of questions:
?Travelled abroad? Or spent all the time here??
What if I?ve run down a dozen Pegasuses
in the course of these fifteen years?!

You wnat to know how many servants I?m keeping,
what houses? My special case please observe:
where do I stand if I lead people
and simultaneously the people serve?
The class speaks with the words we utter
and we proletarians push the pen.

The soul-machine wears out, begins to splutter.
The tell us: ?Your place now is on the shelf?.
There?s ever less love, less bold innovation,
time strikes my forehead a running blow.
There comes the most terrifying depreciation,
the depreciation of heart and soul,
when one day this sun shall like a fattened hog in
a land of rid of beggars and cripples rise,
dead by the fence I?ll have long been rotting
along with ten or so colleagues of mine.
Draw up my posthumous balance-sheet!

I tell you ? upon this I?m ready to bet ?
unlike all the dealers and climbers you see
I?ll be a unique case ? hopelessly in debt.
Our duty is to roar like brass-throated sirens
in philistine fog and in stormy weather.

Paying fines in cash and high interest on sorrow,
the poet is always the Univers?s debtor.
And I owe a debt to the lights of Broadway,
a debt to you also, Bagdady skies,
to the Red Army and to Japan?s cherry blossom ?
to all about which I had no time to write.

Why did I undertake this burden?
With rhyme to shoot, with metre anger to spark?
Your resurrection the poet?s word is,
your immortality, Citizen clerk.

Read any line a hundred years after
and it brings back the past, as fast as a wink,
all will come back ? this day with the taxman
with a glint of magic and the reek of ink.
Come, you smug dweller in the present era,
buy your rail ticket to Eternity here.

Calculate the impact of verse and distribute
all that I earn over three hundred years!
Not only in this lies the power of a poet,
that it?s you future generations will think about.
Oh no! Today too are the rhymes of a poet
a caress, a slogan, a bayonet, a knout.

Five ? not five hundred ? roubles I?ll pay you,
Citizen taxman! Delete every nought!
As of right I?m demanding a place
with workers and peasants of the poorest sort.
But if you think all I do is just press
words other people use into my service
Comrades, come here, let me give you my pen
and you can yourself write your own verses!

Vladimir Majakovskij, 1926
Translated by Peter Tempest, 1985

ecce video

23 Maggio 2006 Nessun commento

In memoriam E. H.
ritrovato nel suo appartamento
nove mesi dopo il decesso
seduto davanti alla tv

I.
Morì fissando il suo Televisore
la sfera di cristallo del presente,
guardava il Niente e ne vedeva il cuore,
cercava il Cuore e non vedeva niente.

Chi sfidò il lezzo del buio malfermo
si accorse che veniva dall’Illeso,
non dal Morto, ma dal Morente Schermo,
non dal Corpo, bensì dal Video acceso.

Carogna divorata dagli insetti,
Il Monitor frinisce e brilla breve
senza più palinsesti e albaparietti.
La Sua vita larvale svanì lieve
(goal, quiz, clip, news, spot, film, blob, flash, scoop, E.T.),
circonfusa di niente, effetto neve.

II.
Per interposta decomposizione
(Transfert, Pasqua del Video, Eucarestia)
la parodia della Resurrezione
ebbe la forma di Tele-patia.

Fu una morte mimetica, vicaria,
e l’animula vagula, farfalla
luminosa del pixel, volò in aria,
blandula bolla che ritorna a galla.

Quale anima risale verso il cielo?
Se la merce, marcito status symbol,
si fa carne corrotta, rotto il velo

l’Immagine si muta in cirro, nimbo,
diventa puro spolverio, sfacelo,
onda di impulsi e interferenze, Limbo.

Valerio Magrelli, da “Poesie e altre Poesie”, Einaudi

La tua rosa si è sfogliata …

16 Maggio 2006 Nessun commento

La tua rosa si è sfogliata
come per un vento leggero
non è rimasto lo stelo vuoto
ma il profumo
dell’uccello appena volato
via
non siamo rose
né uccelli
né il vento
ma l’attesa di soffiare
di volare
di sbocciare.

Livia Candiani, settembre 1999

berceuse d’automne

23 Settembre 2005 Nessun commento

C’est l’automne, l’automne, on est seul près du feu.
Adieu soleil puissant, feuilles vertes, ciel bleu!
L’averse bat la vitre et le vent s’époumone
A gémir longuement sa chanson monotone,
Oh toilettes d’avril, bonheur de vivre, adieu.

On est seul près du feu, on écoute la pluie,
Et parfois l’on va voir écartant le rideau
Si le ciel est encor badigeonné de suie,
Si la rue est toujours pleine de flaques d’eau
Et l’on revient s’asseoir, on s’ennuie, on s’ennuie.

Oh désespoir du vent dans le grand bois jauni
Roulant par tourbillons de feuilles mortes sales,
Et des lettres d’amour et des débris de nid,
Emporte les beaux jours dans tes longues rafales,
C’est l’hiver à jamais, tout est fini, fini.

Oh le soleil est mort, et tout nous abandonne
Les étoiles ont fui, l’on ne les verra plus,
Tout est fini, fini, vent de tristesse entonne
Le convoi du grand deuil les temps sont révolus.
La Terre va mourir dans l’automne.

- – Jules Laforgue

ue 1111 -25%

25 Maggio 2005 Nessun commento


A word is dead
When it is said,
Some say
I say it just
Begins to live
That day

(1872)
Riferimenti: tutte le poesie di emily dickinson

pablo

21 Marzo 2005 Nessun commento

È proibito
piangere senza imparare,
svegliarti la mattina senza sapere che fare
avere paura dei tuoi ricordi.

È proibito non sorridere ai problemi,
non lottare per quello in cui credi
e desistere, per paura.
Non cercare di trasformare i tuoi sogni in realtà.

È proibito non dimostrare il tuo amore,
fare pagare agli altri i tuoi malumori.

È proibito abbandonare i tuoi amici,
non cercare di comprendere coloro che ti stanno accanto
e chiamarli solo quando ne hai bisogno.

È proibito non essere te stesso davanti alla gente,
fingere davanti alle persone che non ti interessano,
essere gentile solo con chi si ricorda di te,
dimenticare tutti coloro che ti amano.

È proibito non fare le cose per te stesso,
avere paura della vita e dei suoi compromessi,
non vivere ogni giorno come se fosse il tuo ultimo respiro.

È proibito sentire la mancanza di qualcuno senza gioire,
dimenticare i suoi occhi
e le sue risate
solo perché le vostre strade hanno smesso di abbracciarsi.
Dimenticare il passato
e farlo scontare al presente.

È proibito non cercare di comprendere le persone,
pensare che le loro vite valgono meno della tua,
non credere che ciascuno tiene il proprio cammino
nelle proprie mani.

È proibito non creare la tua storia,
non avere neanche un momento per la gente che ha bisogno di te,
non comprendere che ciò che la vita ti dona,
allo stesso modo te lo può togliere.

È proibito non cercare la tua felicità,
non vivere la tua vita pensando positivo,
non pensare che possiamo solo migliorare,
non sentire che, senza di te,
questo mondo non sarebbe lo stesso.

Pablo Neruda

Categorie:Letteratura, Poesia Tag:

l’ultima poesia di luzi

3 Marzo 2005 4 commenti


FIRENZE – La sua ultima poesia, battuta al computer da Caterina Trombetti, sua assistente e amica, domenica sera, poche ore prima della morte. Gli ultimi versi di Mario Luzi, grande poeta del Novecento. Eccoli.

Il termine, la vetta
di quella scoscesa serpentina
ecco, si approssimava,
ormai era vicina,
ne davano un chiaro avvertimento
i magri rimasugli
di una tappa pellegrina
su alla celestiale cima.

Poco sopra
alla vista
che spazio si sarebbe aperto
dal culmine raggiunto…
immaginarlo
già era beatitudine
concessa
più che al suo desiderio al suo tormento.

Sì, l’ immensità, la luce
ma quiete vera ci sarebbe stata?
Lì avrebbe la sua impresa
avuto il luminoso assolvimento
da se stessa nella trasparente spera
o nasceva una nuova impossibile scalata…
Questo temeva, questo desiderava.

Categorie:Letteratura, Poesia Tag: