Archivio

Post Taggati ‘Daredevil’

scavezzacollo

22 Giugno 2016 Nessun commento

Ennesimo reset di tutte le testate Marvel per accalappiare nuovi polli. Nel caso di Devil — diventato Daredevil per uniformarsi al merchandising internazionale di film, serial tv e pupazzetti vari — in effetti, le novità paiono essere ben poche, quantomeno se paragonate al buon vecchio Thor, che subisce addirittura una mutazione di genere (nelle vesti della segretaria del dottor Blake, nientedimeno). Le storie di Devil già da molto tempo, insieme a quelle del nuovo Occhio di Falco, sono l’ultimo baluardo realistico della produzione Marvel, lontane dal pupazzettismo grafico che ormai caratterizza molti supereroi, e in genere ruotano attorno all’aspetto legal-thriller (Matt Murdock è passato da avvocato a pubblico ministero), e il taglio è decisamente urbano e realistico (l’amico di sempre, Foggy Nelson, è malato di cancro) e in questo ciclo il tema trattato di sguincio è quello dell’immigrazione, dissimulata nella variante cinese, ma le riflessioni che si fanno portano a fattori piú generali. Dal punto di vista visuale, in questo periodo almeno, dopo varie sperimentazioni siamo tornati dalle parti della solida caratterizzazione data a suo tempo dal duo Miller-Janson, con influenze dallo stile di John Romita jr., che ben si adatta alle atmosfere noir delle storie.

Categorie:fumetti Tag:

scavezzacollo

14 Ottobre 2014 Nessun commento

Versione cinematica dell’Uomo senza paura. I mezzi tecnici consentono oggigiorno di rendere credibili, piú che mai prima, gli eroi in calzamaglia in versione filmica, ma quel che lascia a desiderare è spesso il lato umano (e dire che i fumetti di Stan Lee devono il loro successo proprio a quell’aspetto). Come nel primo Spiderman (ma probabilmente anche nei suoi seguiti) il rapporto tra l’eroe e la bella di turno (Elektra, in questo caso) è rimasto schematizzato al livello di fumetto anni 60, mentre l’aspetto visivo è al passo coi nostri tempi, il che rende estremamente stridenti i due aspetti (massimo realismo da una parte, e bassissimo dall’altra). Aggiungiamo che anche la storiella è veramente di infimo livello di complessità, e viene da chiedersi come mai non abbiano apposto la dicitura “Vietato ai maggiori di 13 anni”.

2003, scritto e diretto da Mark Steven Johnson, con Ben Aflleck, Jennifer Garner, Michael Clark Duncan, Colin Farrell.